Luciano Paulillo, presidente della neo nata FIR – Filiera Italiana del Regalo, ha convocato alla Mostra d’Oltremare di Napoli, in occasione del Vebo, dal 7 al 10 ottobre prossimo, gli stati generali del settore

La quindicesima edizione del Vebo, il salone dedicato alla bomboniera, al regalo e alla casa, si svolgerà dal 7 al 10 ottobre 2016 alla Mostra d’Oltremare di Napoli. La rassegna diventa sempre più punto focale del settore, momento di incontro fondamentale per gli addetti ai lavori. In occasione della fiera si svolgerà infatti la prima Convention della FIR.

Al salone parteciperanno tutti gli operatori del comparto, dai produttori ai negozianti, dai distributori ai rappresentanti. Il Vebo è dunque il contesto ideale per organizzare l’importante appuntamento voluto da Luciano Paulillo e dal direttivo della FIR, che servirà a tracciare le linee guida dell’associazione. «La 15esima edizione del Vebo sarà fondamentalmente dedicata al rilancio del settore – afferma Paulillo –. L’evento cruciale del salone sarà infatti la prima Convention e la presentazione ufficiale della FIR. Sarà allestito un desk, attivo per tutta la durata del salone, con hostess a cui poter chiedere informazioni e versare la quota associativa. Uniti si vince, non mi stancherò mai di ripeterlo, ecco perché è giunto il momento di impegnarsi in prima persona, lavorando tutti insieme per costruire un futuro per il comparto, per gli addetti ai lavori e le loro famiglie. Il mio impegno per la promozione della bomboniera e del made in Italy è noto a tutti, è un compito che sostengo ormai da molti anni, anche attraverso una manifestazione come il Vebo, ma che incrementerò nella mia veste di presidente della Filiera. Questa per me è una ulteriore scommessa professionale, mi impegnerò per riuscire a raccogliere un gran numero di adesioni, necessarie per poter partire al più presto con iniziative concrete».

Sono già pronti i programmi esecutivi, definiti dallo stesso Paulillo con i vertici della FIR, determinanti per la realizzazione di un valido organo associativo. «Dobbiamo partire con campagne pubblicitarie mirate sui maggiori media, attraverso spot ben studiati e affidati a testimonial giovani, che possano essere d’esempio per i consumatori, perciò la televisione e il web diventeranno gli strumenti più importanti per far conoscere la qualità dei nostri prodotti made in Italy. La dimensione e la risonanza della pianificazione pubblicitaria dipenderanno dalla fiducia che ci verrà accordata dagli operatori del settore. Per questo chiedo a tutti di aderire e di dare il loro fondamentale contributo per rendere sin dall’inizio forte e significativa l’azione della FIR».

La Convention è aperta a tutti. Invia la tua conferma di presenza per e-mail (fir@emil.it) o per telefono (095.537116).